Parte la Serie A: tutti a caccia della Juve

insigne


Apre il sipario sulla nuova serie A 2016/2017. Si parte con un unico obiettivo: fermare lo strapotere della Juventus, ormai dominatrice del campionato da 5 anni. La squadra di Allegri dovrà vedersela subito contro la Fiorentina di Paulo Sousa, in un momento sicuramente non brillantissimo della squadra. La partenza di Pogba non è stata ancora compensata dalla società e contro la Fiorentina, considerando il piccolo infortunio di Pjanic, la squadra bianconera si presenta già con una piccola emergenza a centrocampo.

Inizio sulla carta più leggero per il Napoli, che farà visita al neo promosso Pescara, ancora in fase di rodaggio. Partito Higuain, Sarri si affida all’estro di Milik e ai gol di Gabbiadini supportati come sempre dal trio Hamsik, Insigne e Callejon. La Roma, dopo l’andata dei preliminari di Champions, ospita la nuova Udinese targata Iachini. La squadra friulana lo scorso anno riuscì a sgambettare la Juventus all’esordio in campionato e proverà anche quest’anno a ripetere l’impresa all’Olimpico.

Il Palermo arriva ai nastri di partenza con qualche dubbio di troppo legato ad una rosa con tanti punti interrogativi. Esordio contro il Sassuolo, ormai una solida realtà del nostro campionato, confermata anche dalle analisi degli esperti di scommesse sul calcio online. A Palermo ci si aspetta di tutto in termini di risultato anche perché i rosanero scenderanno in campo con tanti nuovi acquisti, la maggior parte dei quali sconosciuti al grande calcio.

Esordio casalingo anche per il Bologna di Donadoni contro la matricola Crotone. La squadra calabrese è senza dubbio la meno attrezzata tra le neopromosse ad affrontare il campionato di serie A. Partito il tecnico Juric, è arrivato Nicola che non ha ancora brillato, anzi, alla prima uscita ufficiale ha rimediato una sconfitta esterna contro il Verona in Coppa Italia.

La nuova Inter di De Boer parte da Verona. La squadra nerazzurra, forte dei nuovi arrivi Candreva e Banega, ha alzato il livello medio della squadra, soprattutto tenendo conto della permanenza di Icardi. La trasferta contro il Chievo sarà un buon banco di prova per l’Inter, considerata la coesione del gruppo gialloblù, autore di un bellissimo campionato lo scorso anno.

Anche il Milan inaugura il nuovo ciclo cinese con il nuovo allenatore Montella, fortemente voluto da Silvio Berlusconi. Alla fine, cosiderando la permanenza (almeno per adesso) di Bacca e l’inserimento in rosa del principito Sosa, anche la squadra rossonera potrà dire la sua. Esordio non facile contro il Torino di Mihajlovic che medita vendetta contro la società, rea secondo lui, di averlo esonerato senza motivo e con una squadra lanciata in classifica e in finale di Coppa italia. Sfida accesissima dunque a San Siro.

Come per Mihajlovic, anche per Giampaolo il destino ha riservato l’esordio contro la sua ex squadra. La Samp infatti fa visita al nuovo Empoli di Martuscello. La squadra blucerchiata ha cambiato molti elementi, ma l’assetto tattico del tecnico ex Ascoli, saprà certamentecolmare eventuali lacune in mezzo al campo.

Bella sfida anche quella tra il Genoa e Cagliari. Grande curiosità intorno a questa partita, sia per vedere il nuovo Genoa targato Juric, ma anche per capire se l’ottimo mercato della matricola Cagliari ha dato effettivamente alla squadra isolana quel valore in più per permetterle di ottenere una salvezza tranquilla.