L’economia in crisi fa crescere business di maghi e cartomanti

testata


Il business del mondo occulto, a discapito della crisi, non conosce battute d’arresto. Contrariamente a quanto si pensa, le difficoltà economiche hanno innalzato la percentuale di persone che si rivolgono ai cartomanti e ai maghi per essere rassicurati su determinati aspetti della vita, che riguardano l’amore, il lavoro, la fortuna, il gioco. Sembra un paradosso, ma è la pura realtà! La ricerca del cartomante o chi per lui diventa per la persona in difficoltà l’unica speranza di sapere ciò che accadrà domani, in vista di un futuro non proprio roseo, ma pur sempre migliore.

 

In Italia sono ben 160 mila i professionisti dell’occulto e non conoscono crisi. Anzi, il loro lavoro è decollato nuovamente quando la situazione degli italiani è peggiorata. Ad aumentare il ricorso delle persone in difficoltà ha contribuito enormemente l’abbattimento dei costi relativi ai consulti. La risposta è semplice: rispetto a prima, è cambiato il modo di cercare un consulto dal cartomante o dal sensitivo e si sono accorciate le distanze. Infatti, mentre prima l’esperto dell’occulto riceveva in uno studio privato e chiedeva tariffe di gran lunga superiori, addirittura 1400 euro l’ora, adesso richiedere un consulto è facile e veloce grazie alle consulenze telefoniche.

 

Infatti, proprio grazie ai consulti per telefono e online, le tariffe hanno subito un drastico calo, aumentando di conseguenza il numero di richieste. I costi adesso sono davvero irrisori e anche la lettura dei tarocchi, la ricezione di un amuleto sono diventati all’ordine del giorno. Inoltre, l’accesso ai consulti telefonici è facilitato anche dal fatto che la persona che lo richiede non si espone e ottiene ciò che desidera in perfetta riservatezza. Non attendere fuori dal portone di uno studio ed evitare di incontrare conoscenti è una gran bella cosa, che toglie da ogni sorta di imbarazzo.