La sigaretta elettronica in realtà non crea dipendenza

kit-singolo


Nonostante, alcune ricerche scientifiche critichino l’impiego delle sigarette elettroniche, in un recente comunicato stampa la Lega Italiana Antifumo (rilasciato dal professor Polosa insegnante Medicina Interna all’Università di Catania) ha sostenuto il ricorso ad esse.

Infatti, uno studio del CNR di Milano ha dedotto che le sigarette elettroniche sarebbero capaci di causare dipendenza e una condizione di ansia, che spinge i soggetti a ricorrere a tali dispositivi.

Inoltre, recentemente sono stati avanzati dei sospetti sulla presenza di sostanze dannose nei liquidi delle sigarette elettroniche. Polosa è intervenuto su questo argomento affermando che i dati esposti dal CNR di Milano sono stati desunti da esperimenti effettuati su cavie (topi da laboratorio) e che perciò non possono essere confrontati a quelli che vengono ricavati su soggetti umani.

Infatti, Polosa afferma che i dati ottenuti non sono conformi con quelli che risultano dagli esperimenti condotti dalla lega antifumo sugli utilizzatori delle sigarette elettroniche, da cui invece si desume che lo svapare sia un abitudine meno radicata in confronto al vizio del fumo di tabacco.

Ci potremmo chiedere allora perchè siano stati divulgati i risultati di questa ricerca. Probabilmente esistono interessi nel criticare la sigaretta elettronica, perchè la sua diffusione tra i consumatori influisce negativamente sul mercato del tabacco.

L’aspetto più deprecabile è quello che le deduzioni di questi studi vengono ottenute tramite una serie di valutazioni poco attendibili, perchè basate su test condotti su animai da laboratorio e utilizzando criteri inadeguati.

E’ possibile affermare che attualmente non esistono dati da cui si possa desumere la cancerosità delle sigarette elettroniche sugli esseri umani, né tantomeno si può dichiarare nociva la nicotina contenuta nelle sigarette elettroniche o nei vapori che esse generano.

E’ anche assurdo parlare di possibile dipendenza, perchè i dati in mano alla lega italiana antifumo dimostrano invece che lo svapare è un’abitudine facilmente controllabile e che non genera stati d’ansia, situazione che invece si crea abitualmente nei fumatori di tabacco.

Concludendo, nonostante sussistano forti interessi a contrastare la diffusione della sigaretta elettronica un numero sempre maggiore di fumatori ricorre ad essa. Inoltre, si diffondono i negozi che si occupano della vendita di sigarette elettroniche online, che garantiscono prodotti certificati a prezzi convenienti.