Classificazione XBRL: bilancio d’esercizio e nota integrativa in un nuovo formato elettronico

XBRL.svg


Dal 5 marzo 2015 per legge tutte le aziende non quotate devono produrre il bilancio d’esercizio, comprensivo di stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa in formato XBRL. La novità riguarda la tassonomia anche per la nota integrativa, ma esenta dall’obbligo tutte quelle aziende che utilizzano le procedure contabili internazionali, nonché la redazione del bilancio consolidato. Con la tassonomia della nota integrativa si dà voce e spiegazione a tutti i concetti delle singole voci di bilancio, semplificandone la procedura su qualunque piattaforma informatica.

Grazie ad un apposito software è possibile elaborare i vari bilanci nel nuovo formato elettronico XBRL, attraverso alcuni semplici step: il caricamento dei bilanci delle società in questione dal sistema gestionale, la successiva compilazione necessaria di tutti i dettagli della nota integrativa, il salvataggio in XLS o, appunto, nel formato XBRL.

L’applicazione del nuovo linguaggio digitale XBRL su tutto il bilancio permetterà anche alle pubbliche amministrazioni di analizzare più rapidamente il quadro economico-finanziario delle aziende, consentendo ad esempio un innesto più semplice dei dati di bilancio con quelli rappresentati negli studi di settore.

Generalmente, alcune società propongono un’offerta sull’attivazione del software XBRL per il bilancio, che comprende un apposito strumento di transcodifica dal piano dei conti contabile allo schema della IV Direttiva CEE, la determinazione di bilancio CE, SP, e la nota integrativa secondo lo schema XBRL. Non solo, ma ogni azienda potrà, inoltre, avvalersi di un’adeguata formazione inerente all’installazione sul sito del software indicato, al caricamento del bilancio anno -1 e alla creazione di bilancio e nota integrativa anno -1 sul portale e, chiaramente, di un’assistenza continua e dettagliata per ogni singola fase del processo.

La novità è stata introdotta perchè, come detto, il formato XBRL, convertendo in digitale i documenti delle imprese, permette di ridurre significativamente tutte le pratiche dei processi industriali, rendendo più fruibili e utilizzabili i dati finanziari delle società.