A Pasqua 2016 calo dei turisti a Roma

Turisti


La grande crisi economica degli anni 2000, che ha colpito tutta Europa compresa l’Italia, si ripercuote inevitabilmente anche sul turismo, andando a influenzare negativamente un settore che, almeno per la città di Roma, era sempre riuscito in qualche modo a sopravvivere fino ad oggi. I dati del 2016 dicono che, nel periodo pasquale, vi sia stato un calo del 4% dei turisti rispetto allo scorso anno (secondo i dati pubblicati dall’Ente bilaterale del turismo del Lazio). Un calo arrivato nonostante la Pasqua del 2016 ricadesse nell’anno del Giubileo.

I motivi del calo
In molti si interrogano ancora per cercare di capire quali siano state le cause di questo calo di percentuale, che fino allo scorso anno era sempre stato in crescita mentre nel 2016 ha visto una brusca inversione di tendenza. A pagarne le conseguenze ovviamente sono soprattutto gli albergatori, tra i quali i gestori degli hotel stazione Termini. A sentire il parere di queste persone, una delle maggiori cause che hanno portato al declino del tasso percentuale sono stati gli attentati a Parigi e Bruxelles, che hanno avuto effetti considerevoli sulla voglia delle persone di trascorrere le proprie vacanze a Roma. Tutto questo nonostante le percentuali registrate dal Vaticano sulle visite a San Pietro in occasione dell’Anno Santo siano tutt’ora positive. Sempre i gestori degli hotel, però, associano questi dati positivi al fatto che buona parte dei turisti che vanno alla Santa Sede ha la propria residenza nella Capitale o anche nelle varie province della città laziale, e dunque si tratta per lo più di gente che non ha necessità di prenotare delle stanze per pernottare a Roma. Tornando al calo dei turisti, esso riguarda sia i turisti italiani che alcuni degli stranieri. Tra questi ultimi è in ribasso il numero di americani e giapponesi, mentre sono in crescita quelli dei cinesi e degli indiani, i quali rendono positivo il saldo degli stranieri che vengono in Italia in vacanza. La speranza, non solo degli albergatori di Roma ma del settore turistico in generale, adesso ricade nella stagione estiva. Si spera che, l’avvento del bel tempo e la crescita del numero di eventi che si svolgeranno all’aperto, possa invogliare i turisti a trascorrere le proprie vacanze estive nella Capitale. Questo è l’obiettivo principale di chi gestisce la città, che agirà di modo che si possa migliorare quel circuito turistico capace di coinvolgere diverse fasce d’età, dai più giovani ai più anziani.